Viaggiare con la mente

Viaggiare con la mente #35

Due nuove proposte per questo torrido agosto:

La proposta di Veronica

“Tipi da libreria” di Shaun Bythell
Tipi da Libreria di S. Bythell

A Wigtown, in Scozia, esiste una libreria con una miriade di libri di seconda mano. Attrae i meglio ed il peggio della clientela e di semplici curiosi che, con occhio cinico e allo stesso tempo di divertente, sono osservati dal librario nonché proprietario.

Spesso dimentichiamo che ci sta dietro al bancone, potrebbe guardarci con la coda dell’occhio, notare i titoli da cui siamo attratti e giudicarci. Questo fa Shaun Bythell in quella raccolta di tipologie di persone che, negli anni, ha visto passare nella sua libreria.

🕮

Ho aspettato la traduzione di questo libro a lungo. Avrei potuto leggerlo in inglese, è vero, ma per me non è lo stesso. Leggere nella mia lingua ha un trasporto completamente diverso e riesco anche a concentrarmi meglio rispetto ad altre lingue. Sto ancora aspettando anche che venga tradotto il secondo lavoro di Bythell, perché Tipi da LIbreria è in realtà il terzo libro dell’autore!

Il primo l’avevo recensito qui e mi aveva fatta ridere moltissimo. Il secondo è il seguito. Questo invece è un libriccino su sette tipi di clienti che si incontrano in libreria, in questo caso la sua, in una cittadina al nord della Scozia. Tipi portati agli estremi ma sempre con quella verve britannica sarcastica che contraddistingue l’autore.

 

La proposta di Rainbowsplash

 

Mia sorella è una foca monaca, di Christian Frascella

Il protagonista del romanzo (di cui non viene mai detto il nome) è il classico diciassettenne che vorresti prendere a cazzotti dalla prima all’ultima pagina. E per fortuna qualcuno lo fa.

Nella periferia torinese di fine anni ‘80, crede aver già capito la vita e le sue magagne, e si sente più furbo degli altri. Più furbo del padre, che passa le giornate bevendo birra in giardino; più furbo della madre, che è scappata con un benzinaio che ha la metà dei suoi anni; più furbo della sorella che si rifugia in chiesa. Ma si sente anche superiore ai compagni di scuola, alle persone che incontra per strada, ai colleghi della fabbrica in cui va a lavorare.

E invece, sotto quello strato di furbizia e supponenza c’è un ragazzi distrutto, che cerca di farsi forte perché si sente solo al mondo e crede di dover tenere insieme una famiglia distrutta. C’è la voglia di rivalsa sociale, di trovarsi una bella fidanzata e di salvare la sorella dalle grinfie di ragazzi che potrebbero ferirla.

Insomma, per quasi tutto il romanzo speri che qualcuno pesti il protagonista, e in effetti qualcuno lo fa. Ma allo stesso tempo sai che pure tu a 17 anni credevi di aver capito i segreti del mondo, e allora vedendo la sua ingenuità provi pena per lui e vorresti spiegargli che il peggio deve ancora venire. Anche perché poi il peggio arriva. La lettura è scorrevole, anche se il finale purtroppo risulta un po’ frettoloso, quasi interrotto. Peccato, mi sarebbe piaciuto poter leggere una conclusione pensata meglio e col giusto tempo. Di sicuro è una lettura consigliata ai coetanei del protagonista. Una bella batosta, ma anche una lettura che riesce a far riflettere.

Potete seguirmi e aggiungermi su Goodreads per sapere cosa sto leggendo al momento e quali libri leggerò in seguito. 

4 pensieri su “Viaggiare con la mente #35”

  1. Amo leggere. Mi incuriosisce il primo libro che hai descritto forse perché le librerie mi attirano moltissimo. Lo metto in lista. Grazie

  2. La proposta di Veronica mi incuriosisce particolarmente, forse perché è ambientato in Scozia e io ci sono stata solo pochi mesi fa, innamorandomene perdutamente

    1. La Scozia è magica e prima o poi voglio tornare e, perché no, andare a vedere la libreria di persona!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.