Consigli di viaggio Dove soggiornare a...

Dove soggiornare a Gatwick: Premier Inn

Vivere a chilometri e chilometri distante dall’aeroporto che mi riporta a Palermo, vuol dire fare dei viaggi della speranza assurdi. Questa volta la destinazione era Gatwick ed il volo partiva poco dopo le 07:00. Ergo le opzioni erano o dormire sui pullman e arrivare già sfiniti prima ancora di atterrare in Sicilia oppure prendere una stanza in uno degli hotel vicino l’aeroporto e partire presto per arrivare il pomeriggio in stanza. La seconda, ovviamente, è stata quella vincente e il Premier Inn di Gatwick l’hotel designato per la notte.

Era la prima volta in un Premier Inn ma avevo sempre visto recensioni abbastanza buone sulla compagnia. Essendo un budget hotel non avevo alte aspettative. Eppure solo nel Regno Unito ci sono più di ottocento hotel della catena quindi volente o nolente, prima o poi avrei soggiornato in uno di essi.

Premier Inn Gatwick: perché sceglierlo e come arrivarci

Posizionato quasi di fronte l’accesso al check-in bagagli, il Premier Inn svetta con i suoi dieci piani. L’esterno è molto curato, anche se il color grigio non lo fa spiccare tra il resto degli edifici e il parcheggio aeroportuale poco distante. L’interno è pulito e minimal sui toni del marrone e del viola, che contraddistinguono anche il logo della compagnia. Ma è la posizione che rende il Premier Inn di Gatwick perfetto per un soggiorno vicino l’aeroporto.

Ci si può arrivare almeno in tre modi: via treno, via Thameslink (linea ferroviaria in cui è possibile utilizzare l’Oyster) o via pullman. Il più veloce è sicuramente il treno dalla stazione di Victoria, vi bastano solo trenta minuti di viaggio. Sempre da Victoria, potete prendere il pullman che vi lascerà nel giro di un’ora e trenta. Altrimenti sono quattro le stazioni londinesi servite dal Thameslink: St. Pancras, City Thameslink, Blackfriars e Farringdon. Noi lo abbiamo preso proprio da Farringdon e abbiamo impiegato poco meno di cinquanta minuti ad arrivare in aeroporto.

A parte il pullman, tutte le opzioni vi lasceranno alla stazione dei treni del terminal sud di Gatwick. Una volta arrivati bisogna poi seguire le chiare indicazioni per lo shuttle per il terminal nord. Gli shuttle partono ogni due o tre minuti ed impiegano un minuto a portarvi da un terminal all’altro. Il Premier Inn lo troverete davanti a voi. Vi basterà scendere le scale mobili o usufruire degli ascensori per raggiungere l’entrata.

Il check-in

La reception con i quattro ascensori che portano alle camere del Premier Inn di Gatwick

Entrando nella struttura, si capisce subito che la priorità del Premier Inn di Gatwick è non far attendere i propri clienti. Non solo è fornita da quattro ascensori a servire i dieci piani che portano alle stanze, ma ha anche diverse postazione per fare il check-in. Circa una dozzina sono quelle per il self per il self check-in, mentre quattro sono quelle servite dalle receptionist.

Preferendo il contatto umano, ci siamo rivolti proprio ad una delle receptionist. L’accoglienza è cordiale e attenta, pronta a rispondere ad ogni possibile domanda e a fare il possibile affinché il vostro soggiorno non abbia intoppi. Inoltre offrono informazioni aggiuntive, come lo sconto per il parcheggio qualora si arrivi in auto e tutti gli orari della colazione, apertura e chiusura della zona ristorante ed entro quanto è possibile effettuare il check-out.

Il check-in inizia dalle ore 14:00 mentre il check-out è previsto entro le 12:00. Essendo così vicino all’aeroporto, molti ospiti effettuano il check-out già dalle prime ore del mattino. Si può sia fare in reception che gettare la chiave nell’apposito box al piano terra prima di uscire dall’hotel. In più è possibile consultare gli orari di imbarchi dei voli in grazie alla flight board in reception.

I servizi del Premier Inn di Gatwick

Essendo una struttura molto recente ed aperta al pubblico solo nel 2012, tutti i dieci piani hanno accesso ad una connessione wi-fi abbastanza veloce che serve tutte le 600 stanze. È però possibile fare l’upgrade della connessione nella propria stanza al costo di £5.

I servizi del Premier Inn di Gatwick sono quelli base eppure accanto alla reception c’è una piccola stanza con diverse macchinette dall’ampia scelta di snacks e bevande. Si può pagare sia con le monete che con le carte contactless. Inoltre una delle macchinette è adibita agli essentials come colluttorio, dentifricio, adattatori ecc, anch’essa munita di un lettore per le carte contactless. Altra importante aggiunta è la bilancia per le valigie che può sempre servire quando si deve imbarcare solo un peso specifico.

Dall’altra parte rispetto all’accoglienza, si trova il ristorante nonché sala colazione e un Costa Coffee aperto ventiquatt’ore al giorno. Si può accedere da quest’ultimo al cortile adibito a smoking area che può essere visto anche da alcune stanze interne.

Il Thyme Restaurant è aperto dalle 05:30 alle 22:30 mentre la colazione è servita dalle 05:00 alle 10:30. Il costo minimo è di £8 per la colazione continentale con una vasta selezione di prodotti da forno, yogurt e marmellate. Mentre l’aggiunta della full english breakfast (uova, pancetta, salsicce, fagioli, ecc) fa lievitare l’importo a £10,50 a testa.

Le camere con vista sulla pista d’atterraggio

Vista aeroportuale dalla camera del Premier Inn di Gatwick

In reception abbiamo richiesto una stanza ai piani alti, così ci è stata assegnata la 937. Trovandosi al nono nonché ultimo piano, abbiamo preso l’ascensore che a differenza di altri hotel non ha bisogno di essere attivato con la carta della stanza per salire al primo piano ed oltre. Abbiamo però usato la carta per la porta antincendio che separava l’atrio dai corridoi che portavano alle stanze.

All’arrivo in stanza, abbastanza spaziosa e luminosa, ho controllato la pulizia impeccabile e poi ho provato il letto. Comodissimo e confortevole, sapevo che avrei dormito pacificamente. Persino i cuscini non erano né troppo spessi né piattissimi. Tutte le stanze sono poi dotate di bollitore, tè e caffè; asciugacapelli, un televisore fissato alla parete; una scrivania abbastanza spaziosa dove poter lavorare e un comodo divano sotto la finestra.

La vista dà sulla pista di atterraggio di Gatwick Nord ed ammetto che sono stata almeno un’oretta a guardare fuori dalla finestra fino al tramonto.

Ogni camera è poi dotato di un termostato per regolarne la temperatura al suo interno. Il bagno è spazioso e tutto bianco. Qui troverete il set di asciugamani mentre sapone, docciaschiuma e shampoo sono in appositi dispenser fissati al muro.

Quanto costa alloggiare al Premier Inn di Gatwick

L'entrata del Premier Inn di Gatwick dall'inconfondibile colore viola e il logo della compagnia

Essendo un tre stelle, comodo da raggiungere, confortevole e con buoni servizi essenziali mi aspettavo un prezzo un po’ più alto. Invece prenotando last minute e senza colazione inclusa, la spesa è stata di £55. Prenotando direttamente sul sito della compagnia si risparmia qualcosa in più in questi mesi. Una stanza, pagandola al momento della prenotazione, può costare per un minimo di £30 ad un massimo di £49, senza colazione inclusa.

Ci ritornerei? Assolutamente sì. Il Premier Inn di Gatwick è sicuramente la scelta migliore se si vuole pernottare vicino l’aeroporto, senza preoccuparsi di arrivare in ritardo. Consigliato anche per chi ha un volo in tarda serata ed è troppo stanco per rimettersi subito in viaggio fino a casa.

 

← Rubrica “Dove soggiornare a…”

Lost Wanderer

veronica

Lost Wanderer

 

Like it. Share it. Pin it!

Premier Inn di Gatwick Pin per Pinterest

33 thoughts on “Dove soggiornare a Gatwick: Premier Inn”

  1. Penso che questo hotel sia ottimo per chi viaggia molto e oltre ad essere pratico mi sembra molto ben organizzato!

  2. E’ sempre utile avere informazioni su hotel nei pressi dell’aeroporto, essendo una fruitrice di voli low cost mi capitano le partenze all’alba…

  3. Che voglia di tornare in hotel! Non sono mai stata in uno di questa catena me sembra davvero ottimo! In più prezzo davvero onesto!

  4. Questo Hotel mi sembra molto bello oltre che comodo per via della posizione e ad un prezzo accessibile. Se mai dovessi fare un viaggio con scalo a Gatwick lo terrò presente.

  5. Ammetto di aver sempre snobbato Gatwick, preferendo sempre Heathrow. Anche quando stavo a Cardiff, visto il costo esoso e i voli ridotti col diretto, facevo sempre Heathrow, qualche giorno a Bristol e poi di treno per Cardiff. La tua comunque è una soluzione sempre comoda a saperla che non, viro sempre su altro, ma in caso di necessità adesso so di poter pernottare con tranquillità a Gatwick.

    1. Noi solitamente preferiamo sempre pernottare quando il volo è la mattina presto o arriva la notte tardi. Purtroppo abitando a Cardiff e non avendo i diretti neanche da Bristol con Palermo, ci tocca andare a Londra. Abbiamo sempre usato Stansted o Gatwick e ci siamo trovati bene durante il pernottamento negli hotel vicino a questi due aeroporti.

  6. Mi piace moltissimo come idea di soggiorno ed anche il design dell’hotel mi intriga, insomma devo dire che poi è anche un’ottima scelta per posizione e servizi.

  7. Non ho dormito a quello di Gatwick, ma nei Premier Inn ho dormito spesso e mi sono sempre trovata bene. Tra l’altro hanno dei materassi comodissimi!

  8. Non ho mai avuto la necessità di dormire vicino a Gatwick perché i voli erano sempre a orari decenti. Mi è capitato però di dormire in albergo vicino a Stansted perché in ogni caso la scelta di arrivare già stravolta per le mancanza di sonno non potrei più sopportarla.
    Dormire con vista sulla pista deve essere veramente bello!

    1. Neanche io riesco più a farmi il viaggio “tutta una tirata”, preferisco spendere un po’ di più passando una notte in hotel che diventare uno zombie.
      La vista era spettacolare, soprattutto con il tramonto arancione!

  9. Beh, dai, con tutti questi servizi che hai elencato stavo lì ad arrivare alla fine e a dire “ecco, mo’ sentiamo che cifra spara!” E invece mi sembrano prezzi per nulla esagerati, anzi. Una domanda: ma la vista sulla pista non dà problemi in termini di rumore per gli aerei in movimento?

    1. In realtà sono prezzi accessibili, anzi per la zona aeroporto non è neanche così caro. Il rumore non si sente affatto, i vetri sono molto spessi e abbiamo dormito tranquillamente (considerando che siamo andati a letto verso le 19 vista la sveglia alle 3) e c’erano ancora voli.

  10. Non conoscevo questa catena di hotel, ma mi hai piacevolmente stupita, soprattutto per il fatto del self check in (avendo lavorato in un hotel, in Italia sembra ancora fantascienza!)

    1. In realtà è il primo in cui sono stata nel Regno Unito ad avere questo servizio. Un altro posto in cui hanno il self check-in è Amsterdam

  11. Che ricordi! ci passavo 2 notti ogni 3 mesi ca! Molto comodo, sempre pulito e servito in modo essenziale ed attento. Trovo la tua recensione perfetta e completa e mi unisco a te nel suggerirlo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.