Consigli di viaggio Europa

Parigi low cost: esperienze gratis nella capitale delle luci

Il 2019 è stato un anno ricco di viaggi ed esperienze che si è chiuso sicuramente con il botto. A fine Novembre, in vista del mio compleanno, abbiamo organizzato cinque giorni nella capitale francese. La prima volta che ci eravamo stati non avevamo avuto il tempo di fare quasi nulla ed eravamo rimasti quasi delusi dalla Ville Lumière.
Quest’anno invece con più tempo e il nostro modo di viaggiare slow, abbiamo apprezzato di più Parigi e ci siamo abbandonati alla flânerie parisienne. Purtroppo il termine non ha una vera e propria traduzione italiana. Rappresenta una persona che si gode il momento, senza fretta alla scoperta di nuovi orizzonti.

Ed è quello che abbiamo fatto noi, scoprendo che Parigi non dev’essere per forza una delle capitali Europee più care del mondo, anzi. Si possono fare molte cose gratuitamente e visitare Parigi low cost diventa un gioco da ragazzi con questa guida.

Vedere Parigi dall’alto

Salire sulla Tour Eiffel può essere dispendioso e non vi darà la vista migliore di Parigi. Dopotutto la capitale francese senza la sua Signora di Ferro, non è la stessa cosa.
molti turisti quindi preferiscono pagare il biglietto per l’Arco di Trionfo o la Tour Montparnasse per avere lo shot migliore, magari al tramonto. Eppure si possono avere delle foto bellissime con la torre in sfondo dalle terrazze dei grandi centri commerciali.

Le Galeries Lafayette ad esempio offrono una vista sui tetti, sull’Opéra e la struttura di Eiffel da far invidia ad altri punti panoramici. Basta salire fino all’ultimo piano, magari con uno dei bellissimi ascensori da belle époque che troverete all’interno del centro commerciale e seguire poi le indicazioni per la terrazza. Vi lascerà senza fiato.

Visitare i Musei

Se potete essere flessibili nel vostro viaggio, magari provate ad andare durante la prima domenica del mese. Tutti i musei Parigini sono visitabili gratuitamente. Così come l’Arco di Trionfo, visitare la Saint Chapelle, il Panthéon ed altri monumenti.

Un altro modo di risparmiare è se siete Europei e minori di 24/26 anni. Molte attrazioni e monumenti hanno degli sconti. Noi non lo sapevamo e la prima volta che siamo andati a Parigi, sapevamo di dover pagare un sacco per salire sulla Torre eppure avevamo pagato poco meno di €14 a testa. L’ho scoperto solo quest’anno quando cercavo i vari biglietti per i musei e mi sono resa conto che avremmo dovuto approfittarne quattro anni fa.

Visitare i grandi artisti nei cimiteri di Parigi

Sapevate che Charles Baudelaire è sepolto al cimitero di Montparnasse? Assieme a Guy de Maupassant, Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir e molti altri illustrissimi esponenti delle arti e personaggi che hanno avuto uno spessore politico e sociale. O che potrete portare un fiore a Dalida nel cimitero di Montmartre?

In alternativa potete fare come molti turisti e dare la “caccia alla star” al cimitero di Père-Lachaise. Noi abbiamo preferito fare una passeggiata e immaginare le vite di alcune tombe che ci hanno colpito di più, come questa in foto di una ragazzina di soli quattordici anni, i cui compagni di scuola le hanno dedicato una targa.
Il cimitero è enorme e vi consiglio di dedicarvi una mezza giornata se siete interessati a girarlo tutto per bene.

Alla ricerca dei set cinematografici famosi

Quante volte abbiamo sognato di visitare una città solo guardandolo al cinema o in televisione? Passeggiare nelle stesse strade del nostro personaggio preferito, ricreare le avventure di quel determinato film.

Parigi è un set cinematografico ad ogni angolo. Potreste seguire i passi del professor Robert Langdon e svelare il mistero del Codice Da Vinci. Oppure perdervi nei sogni di Cobb in Inception e attraversare il ponte Bir-Hakeim, dalla quale si gode una splendida vista della Tour Eiffel (in foto).

E per tutti gli adolescenti che sono cresciuti con Gossip Girl, potrete sedervi ai tavolini di Chez Julien dove Serena e Blair prendevano un caffè negli episodi parigini del telefilm.

Scoprire per caso la casa più antica di Parigi

Seguendo l’ispirazione e passeggiando per le vie di Marais, potreste imbattervi nelle case più antiche di Parigi. Risalgono al Medioevo e sono state restaurate negli anni ’70 mantenendo lo stile originario degli edifici.
Se le trovate anche voi, fatemi sapere. Vi lascio un indizio, sono in una delle vie secondarie.

Vedere la Statua della Libertà

Quando si pensa a questo monumento simbolo, viene sempre in mente New York. Dopotutto è uno dei punti di riferimento della città americana. Eppure i Francesi la donarono agli statunitensi ed una sua replica in versione molto ridotta la si può trovare anche a Parigi al Pont de Grenelle.

O potete trovarne una replica in altri cinque punti specifici in tutta Parigi. Magari potete renderla una caccia al tesoro e passare una giornata diversa dalle altre!

Scovare pezzi vintage e di artigianato nelle Galeries

Ultima nella lista ma non per importanza, una bella passeggiata tra le varie gallerie coperte del centro di Parigi alla scoperta di negozi di artigianato o specializzati, potrà portarvi indietro nel tempo.

Nel periodo di Natale poi vengono addobbate a festa come la Galerie Vivienne che vedete in foto. Noi abbiamo trovato una libreria davvero carina che vendeva anche letteratura straniera, purtroppo nulla in italiano ma potrete prendere qualche libro vintage in inglese o spagnolo o tedesco ed ovviamente in francese se siete interessati o avete dimestichezza nel parlare una di queste lingue.

Abbiamo poi trovato negozi vintage e di artigianato anche nella altre gallerie e quasi senza accorgervene, camminerete tra giocattolai, artisti, bistrot e qualche ristorante particolare come il Victoria Station dove stavano facendo un photoshoot quando l’abbiamo notato. E abbiamo visto le truccatrici all’opera sulle modelle.

Sicuramente ci sono molte altre attività da poter fare gratis o quasi, queste sono quelle che abbiamo fatto noi nel giro di cinque giorni.

← Altri consigli di viaggio

Lost Wanderer

veronica

Lost Wanderer

Like it. Share it. Pin it!

 

39 thoughts on “Parigi low cost: esperienze gratis nella capitale delle luci”

  1. Sono contenta che tu abbia rivalutato Parigi perché secondo me non si può non amare. Non ci vado da tanto, ma sono stata tante volte. Montmarte rimane il mio quartiere preferito. Nonostante sia turistico mantiene intatto il suo fascino!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.