Otto cose da fare a Bath
Consigli di viaggio Regno Unito

Otto esperienze da fare a Bath

Splendidi palazzi di architettura georgiana color ocra, panorami romantici e parchi dove trovare un’oasi di pace: Bath è tutto questo e molto altro. Riconosciuta come patrimonio mondiale dell’UNESCO, è invidiata in tutto il Regno Unito per le sue terme risalenti all’epoca romana e le numerose spa che attraggano ogni anno milioni di locali e turisti. C’è tantissimo da poter vedere nella cittadina incastonata tra le colline inglesi e qui di seguito ti consiglio otto esperienze da fare a Bath.

Vicinissima sia a Bristol che Londra che Cardiff, è perfetta sia per la gita di un giorno che per un fine settimana, scoprirete una ricchezza storica che non ha eguali nel Somerset.

Esplorare l’antico mercato

Esplorare il Bath Market tra le otto esperienze da fare a Bath

Situato a due passi dall’abbazia di Bath e dal famoso Pultney Bridge, il Bath Guildhall Market è in funzione dal Medioevo. Entrate quindi dentro un mercato che ha più di ottocento anni di storia, con le sue cupole in vetro e date un’occhiata alle bancarelle piene di prodotti locali gastronomici, gioielli, libri, souvenir e dei deliziosi deli dove poter mangiare un boccone. Non perdetevi anche il Market Pillar, pilastro dove si svolsero i primi affari.

Purtroppo, il mercato visitabile oggi non è l’originale. Dopo l’incendio del 1972 si è provveduto ad un restauro per portarlo agli antichi fasti. Oggigiorno, è aperto dal lunedì al sabato dalle 09:00 alle 17:00.

Oltre ad esplorare l’interno del mercato coperto, non perdetevi anche la facciata esterna che comprende tutta la Gilda di Bath. Potrete ammirare la statua della Giustizia a protezione dell’entrata posteriore dell’edificio. La struttura ospita il municipio ed una sala banchetti dove la regina Elisabetta II pranzò nel 2022. Quest’ultima è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 16:00 quando non è in funzione.

Rilassarsi alle Thermae Spa

Immagine presa dal sito delle Thermae Bath Spa

Nonostante vado a Bath almeno tre volte l’anno, non ero mai stata alle terme. Ho finalmente realizzato questo sogno grazie all’addio al nubilato che ho organizzato per la mia migliore amica. Infatti, le terme romane così famose non sono più in uso, è possibile visitare il museo che spiega tutto il processo di come sono nate.

Eppure, non disperate perché le Thermae Spa di Bath sfruttano ancora la sorgente termale trovata dai romani, purificandone l’acqua per l’immersione.

Vi dico subito che i cellulari sono banditi all’interno della struttura. Alla reception vi forniranno di una pochette con chiusura elettronica dove bisogna infilare il telefono da poter riaprire alla fine della vostra permanenza. Quindi, niente foto ricordo dell’esperienza né della bellissima vista sui tetti della rooftop pool riscaldata.

Godrete però al meglio dell’esperienza, rilassandovi fino alla fine che siate con gli amici, con il partner o con i vostri bambini. La struttura vi fornirà di ciabattine, accappatoio e asciugamano. Avrete anche un armadietto dove poter lasciare le vostre cose. Non portate zaini troppo grandi perché lo spazio non è grandissimo. Giusto per le scarpe, uno zainetto e una giacca. Non ci sono neanche appendi abiti, quindi mettetelo in conto se non volete che i vostri vestiti si stropiccino.

La visita è prenotabile sul sito, ci sono vari pacchetti per il singolo uso della piscina o abbinandolo a trattamenti spa.

Fare una crociera sull’Avon

Fare una crociera nell'Avon tra le otto esperienze da fare a Bath

Bath è facilmente visitabile a piedi ma se volete una prospettiva diversa della città e volete ammirare le campagne che la circondano, non potete perdervi un giro in barca sul fiume Avon tra le otto esperienze da fare a Bath.

Molti tour comprendono non solo una crociera di una quarantina di minuti, ma anche un bicchiere di vino o prosecco, a vostra scelta. Il costo minimo per il giro in barca si aggira attorno ai £9.

Dirigetevi al Pulteney Bridge, costruito nel XVIII secolo per collegare la cittadina all’altra sponda del fiume Avon. Ammirate da qui la diga che crea quasi una mini cascata e fermatevi in uno dei caffè per una pausa, prima di scendere le scale e arrivare proprio sulle sponde del fiume da dove partono le crociere.

Il viaggio in barca scorrerà sotto il Pulteney Bridge fino al piccolo villaggio di Bathampton. Qui, potrete ammirare uno dei più antichi mulini del Somerset, oggi affiancato ad un pub e ristorante.

Scovare i luoghi di Bridgerton

Scoprire le location di Bridgerton tra le otto esperienze da fare a Bath

Netflix colpisce ancora e fa innamorare della London Regency miliardi di persone grazie al suo spettacolo Bridgerton. Peccato che quella raffigurata non è Londra, bensì Bath.

L’anima Regency non è mai sparita tra le strade della cittadina inglese e questo la rende il perfetto set cinematografico per le varie stagioni che seguono la famiglia Bridgerton ed anche per la storia di Queen Charlotte, nuovo prodotto sempre targato Netflix.

Ci sono diversi tour alla scoperta dei luoghi salienti della serie. Eppure, basta fare le proprie ricerche per trovare gli esterni e gli interni delle case dei protagonisti e non solo. In questo però posso aiutarvi io con l’articolo dedicato ai luoghi della prima stagione.

Vi svelo soltanto che il negozio della modista è in realtà un rinomato caffè!

Sentirsi un’eroina uscita dalla penna di Jane Austen

Visitare il Jane Austen Centre tra le otto esperienze da fare a Bath

Scrivere di otto esperienze da fare a Bath e non menzionare almeno una volta Jane Austen è quasi sacrilego. La nota scrittrice, infatti, non solo ha vissuto davvero nella Regency Bath dal 1801 al 1806 ma ha anche scritto e basato qui due dei suoi capolavori: Northanger Abbey e Persuasione.

La città deve così tanto alla sua famosa ospite che dal 2001 ha istituito il Jane Austen Festival. Dieci giorni in settembre all’insegna della celebrazione di Jane e della Regency Bath.

Se però non riuscite a venire a settembre, non disperate. Potete sempre visitare il Jane Austen Center, dove non solo scoprirete la storia della scrittrice e dei celebri protagonisti dei suoi romanzi, ma potrete persino entrare nella parte indossando i costumi dell’epoca nell’apposito spazio per gli scatti fotografici.

Il centro è aperto dalle 10:00 alle 17:30 tutti i giorni. Sul sito potete anche prenotare “un tè con Mr. Darcy“, l’afteroon tea del centro che ha un costo minimo di £22 a persona.

Provare vestiti d’epoca al Fashion Museum

Visitare il Fashion Museum tra le otto esperienze da fare a Bath

Se siete amanti della moda, non potete perdervi il Fashion Museum di Bath. Per anni è stato ospitato all’interno delle Assembly Rooms, vere e proprie sale da ballo e ricevimenti molto in voga già dal XVIII secolo. Tutt’ora sono utilizzate come sale ricevimento o accolgono mostre temporanee ed eventi. Quando le ho visitate io c’era una sfilata di moda all’interno di una delle sale.

Prossimamente il Fashion Museum si sposterà nel vecchio ufficio postale di Bath. Al suo interno potrete trovare collezioni permanenti e temporanee di abiti di diverse epoche fino ad arrivare alla nostra. C’è persino l’uniforme di un’infermiera ai tempi del Covid in esposizione.

La parte più divertente, ma anche quella più interattiva, è la saletta dove poter provare alcuni vestiti d’epoca. Ci sono davvero abiti per tutti i gusti e sono molto più pesanti di quello che sembrano, e tengono fin troppo caldo.

Update giugno 2023: al momento il museo ha chiuso temporaneamente finché non potrà spostarsi definitivamente all’interno del Old Post Office. Potrebbero volerci dai cinque agli otto anni per riaprire. Il sito rimarrà aggiornata in caso di eventi e mostre temporanee ospitate in città.

Provare i Sally Lunn’s Buns

Assaggiare i Sally Lunn's Bun tra le otto esperienze da fare a Bath

Quando si visita un posto, provare il cibo locale è un dovere. Se vi state chiedendo cosa potete assaggiare di tipico a Bath, ho io la riposta: i Sally Lunn’s Buns. Un dolce di epoca georgiana, importato da una rifugiata francese.

Siamo nel 1680 quando Solange Luyon scappò dalla sua terra natia per rifugiarsi a Bath. Ben presto trovò lavoro in una panetteria e Solange divenne Sally Lunn, più facile da pronunciare per gli inglesi. Qui, iniziò a impastare un pan dolce morbido che divenne ben presto il preferito di tutta la città e venne soprannominato Sally Lunn’s Bun.

Ha la forma di una pagnotta ma il gusto di una soffice ciambella zuccherata. Viene tagliata in due e arricchita con uno strado di burro e marmellata per una metà e l’altra da burro e salmone, o qualsiasi altro companatico salato, nell’altra. Si gusta sia a colazione che per l’afternoon tea, assieme ad una buona tazza di tè.

Dove gustali? Nell’edificio più antico di Bath, risalente al 1482, al 4N di Parade Passage dove si trova la Sally Lunn’s Historic Eating House & Museum. Infatti, non solo potrete gustare i famosi dolci ma anche visitare la casa museo di Sally.

Preparatevi a fare la fila nei weekend, o prenotate sul loro sito un tavolo.

Torna nel passato con i ninnoli del Bath Retro Store

Comprare qualcosa al Bath Retro Shop tra le otto esperienze da fare a Bath

Altra chicca magica di Bath che traporta in altre epoche è il Bath Retro Store. Una bella facciata verde nel cuore di Abbey Green, piazzetta dove si trova anche la modista di Bridgerton, attirerà il vostro sguardo. Un occhio più attento si avvicinerà la vetrina e lì si apre il magico mondo degli anni del dopoguerra fino agli anni ’90.

Eh già, anche i ’90 adesso sono vintage. Mi piange il cuore solo a pensarci.

Cartoline, vecchi giochi, libriccini e tantissimi altri ninnoli che non solo vi incuriosiranno ma vi faranno anche dire “questo lo possedevo!”. Decisamente una delle tappe imperdibili e tra le otto esperienze da fare in Bath.

Come arrivare a Bath

Come arrivare a Bath

Vicinissima a Bristol, dista poco meno di quindici minuti in treno; è facilmente raggiungibile sia da Cardiff che da Londra. Il modo migliore per raggiunger Bath è usare le compagnie ferroviarie visto il traffico che si crea nell’entrare in città con la macchina e il trovare parcheggio, ma se vorrete avventurarvi per le strade britanniche, dovrete calcolare un percorso di poco più di tre ore da Londra, seguendo la M4 per il Gloustershire e uscire sulla A46 per Bath. Il tempo si dimezza se partite da Cardiff, anche qui basta seguire la M4 e poi l’uscita A46. Invece, da Bristol, Bath dista una quarantina di minuti seguendo la A4.

Come vi dicevo, trovare parcheggio non è facilissimo in quel di Bath, soprattutto nel weekend quando i parcheggi gratuiti si riempiono velocemente e quelli a pagamento non sono meglio. Per quello, pur abitando ad un’ora da Bath, preferisco prendere il treno.

La stazione di Bath Spa dista da Cardiff un’ora e un quarto senza cambi, il biglietto di andata e ritorno costa una trentina di pound, ma ci sono orari meno usati che scegliendoli, vi faranno risparmiare una decina di sterline sul prezzo del biglietto. Da Bristol, sarete a destinazione in quindici minuti e con un biglietto di dieci sterline, ritorno incluso. Mentre da Londra, la distanza è uguale a Cardiff Central – Bath Spa, ma il prezzo di andata e ritorno lievita dalle settanta alle duecento sterline.

In alternativa, da Londra per Bath potete usare il servizio di National Express. I bus ci mettono tre ore e mezza per arrivare a destinazione ma il biglietto di andata e ritorno vi costa intorno alla ventina di sterline, più a ridosso della data prenotate, più il prezzo sale.

Vi ispira Bath?

← Altri consigli di viaggio

Lost Wanderer

veronica

Lost Wanderer

Otto esperienze da fare a Bath pin per Pinterest

21 pensieri su “Otto esperienze da fare a Bath”

  1. Deve essere sicuramente affascinante. Ce l ho sempre nella Wish list ma non sono mai riuscita ad andare. Nella mia mente è forte il collegamento con Jane Austen che adoro… grazie per gli ottimi spunti

  2. Bath mi ha davvero rapito il cuore. Le antiche terme sono bellissime e fare il bagno nella piscina panoramica di quelle nuove è un’esperienza imperdibile! Non parliamo poi del famoso Royal Crescent e dei Sally Lunn’s Buns!

  3. Difficile scegliere tra una di queste attività, sono tutte da provare. Prima di tutto ci mettere le terme, non devono essere per niente male.

  4. Se mi ispira Bath??? Stai scherzando? In pratica sono cresciuta con film e serie girati a Bath (no, non Bridgerton… di quello la prima stagione mi è bastata e avanzata…) e ce l’ho in lista da una vita!
    Ovviamente mentre leggevo l’articolo mi sono segnata tutto (è un colpo al cuore sapere che il Fashion Museum è in trasloco e quindi chiuso????) e ora sono pronta a prenotare anche con mesi di anticipo pur di potermi gustare un Sally Lunn’s Buns!

  5. Bath è una cittadina meravigliosa, ci sono stata un’infinità di anni fa, talmente tanti che inizio ad avere ricordi sbiaditi! Non sapevo che molti luoghi di Bridgerton fossero di qui, mi hai dato una chicca piacevolissima!

  6. Purtroppo sono stata solo di passaggio a Bath per un pranzo veloce, e a questo punto mi dispiace tantissimo. Da tanto tempo mi riprometto di tornarci in occasione del Jane Austen Festival, chissà se ci riuscirò mai!
    Le terme mi ispirano anche tantissimo: forse andrei un po’ in ansia per l’obbligo di dover lasciare il cellulare, ma tutto sommato almeno è un ottimo modo per concentrarsi sul momento senza pensare alle foto che avremmo voluto pubblicare sui social.
    Chissà che buoni Sally Lunn’s buns: per me un altro motivo validissimo per vedere Bath!

    1. Secondo me adoreresti Bath! Un po’ d’ansia è venuta anche a noi quando abbiamo dovuto lasciare i telefoni perché avremmo voluto immortalare il momento, a maggior ragione perché stavamo festeggiando l’addio al nubilato della mia amica, però è stato bello godersi la vista e “be in the moment”. I Sally Lunn’s Bun poi sono veramente buonissimi!

  7. Ci sono almeno due ragioni per cui partirei immediatamente per Batth: il museo del costume con tanto di prova d’abito e il festival dedicato a Jane Austin! Comunque anche le altre sei esperienze non sono male, soprattutto le terme

  8. Le splendide terme di Bath, mi affascinano, anche se ancora non ho avuto modo di visitarle. Che il tuo articolo sia un presagio (positivo) per fare tutte le 8 esperienze che suggerisci a Bath? Ne sarei davvero molto felice!

  9. Bath è una località che, da come la descrivi, potrebbe piacermi davvero (e non poco). Non mi dispiacerebbe affatto partecipare al Jane Austin Festival.

  10. Sono stata in Inghilterra non so più quante volte, ma ancora non sono riuscita a visitare Bath, che mi attira moltissimo. Tutti ne parlano molto bene, e le tue foto e descrizione confermano l’idea positiva che me ne sono fatta!

  11. L’impianto termale è davvero pazzesco, e credo che se dovessi organizzare un viaggio a Bath è li che mi fionderei subito. Chissà se accettano bambini. Ne sai qualcosa? Di solito questi posti sono chiusi ai minori di 13\14 anni.

    1. In molte sezioni delle terme, l’ingresso ai minori di sedici anni è vietato ma ci sono un paio di zone, da prenotare separatamente, in cui i minori di dodici anni accompagnati, possono accedere.

  12. Dovevo visitare Bath questa estate e invece ho dovuto rimandare a causa delle ristrutturazioni della casa. Sono però sicura che questo tuo articolo mi sarà utile prossimamente quando organizzerò più avanti. Bath è proprio la meta perfetta per tutti gli amanti di Jane Austen!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.