Archivio Articoli Make-Up & Rainbows

I prodotti beauty che non compro più

Di solito questa rubrica è piena di consigli per gli acquisti, offerte imperdibili, prodotti di cui non riesco più a fare a meno. Ma visto che per il 2021 ho deciso di dare una svolta “minimal” al mio rapporto con il make-up, per iniziare bene l’anno ho deciso di guardarmi indietro per vedere come è cambiato il mio modo di truccarmi negli anni, e quali sono i prodotti che non compro più, che ho smesso di usare, e perché. Magari può essere un buono spunto per “alleggerire” anche le vostre spese.

Correttore verde: Il prodotto beauty che non compro più

prodotti beauty che non copro più: correttore verde

Qualche anno fa i correttori colorati erano un MUST, e se non ne avevi uno non potevi truccarti. Oggi come oggi è rimasto di tendenza il correttore aranciato per coprire la parte scura dell’occhiaia, mentre abbiamo salutato gli altri: quello viola, quello giallo e quello verde.

Il correttore verde serve per coprire i rossori e io, che tendo ad arrossarmi tantissimo nella zona delle guance e del naso, ne abusavo. Liquidi, in crema, in polvere… ho provato qualsiasi formulazione e ne ho finite vagonate di confezioni. Poi, ho smesso. Come mai?

Innanzitutto ho iniziato ad usare fondotinta più coprenti e quindi i rossori si vedevano molto meno. E poi è arrivato anche il trend del blush sul naso. Quindi, che senso avrebbe coprire il rossore e poi ricrearlo col blush? È un prodotto di cui decisamente non sento la mancanza!

Il primer porefiller

Anche qui mi sembra di fare un tuffo nei ricordi. Negli anni passati, primer voleva dire sempre e solo una cosa: riempire, piallare e nascondere la zona dei pori. Quindi, via di primer siliconico per piallare il più possibile la zona prima di stendere il fondotinta. E io, con la pelle grassa e i pori evidenti, non potevo proprio farne a meno.

Continuerei ad usare questo tipo di primer, se non fosse per un inconveniente: essendo molto siliconici, creano una patina sulla pelle che fa “scivolare via” il fondotinta che viene applicato. Per questo oggi si preferiscono i primer “appiccicosi” che invece permettono al fondotinta di attaccarsi meglio e restare più a lungo.

Ho ancora un paio di primer di questo tipo nella mia collezione, ma non ho intenzione di comprarne di nuovi. Li conservo per le occasioni speciali e uso pochissimo prodotto, solo per piallare leggermente la pelle senza creare una patina.

Prodotti che non compro più? Tinte labbra

Devo scendere a patti col fatto che le mie labbra sono secche, non importa quanto le idrati. Le tinte labbra vanno a seccare e per me sono assolutamente off limits. Reggo solo le formulazioni più confortevoli di rossetti liquidi come quelli di Jeffree Star, ma quelle in stile Superstay Ink di Maybelline? Trauma! Mi si sgretolano dopo nemmeno un’ora dall’applicazione, mi seccano così tanto le labbra che sembra che io esca fuori da una gita nel deserto. Il che in periodo mascherina è un bel problema, anche se ho trovato un compromesso: uso solo rossetti nude, che non se ne vanno a spasso sporcandomi la faccia. E li scelgo il più idratanti possibile.

I gloss colorati

Quando ho iniziato a truccarmi ero una grande patita dei gloss, anche di quelli coloratissimi e super pigmentati. Ancora adesso ne ho una collezione invidiabile. Però, mascherina a parte, mi sono resa conto che non mi trovo quasi mai ad usarli. Mentre quelli trasparenti oppure che donano appena un velo di colore alle labbra li uso spesso, quelli pigmentati hanno perso per me ogni fascino.

Quelli trasparenti, infatti, li uso sia quando sono a casa al posto del balsamo labbra (quelli di Neve Cosmetics sono molto idratanti), ma anche quando devo uscire e non sono truccatissima: metto un velo di cipria, una passata di mascara, gloss e via, di corsa alle poste. I gloss pigmentati sono stati pian piano rimpiazzati da rossetti e rossetti liquidi, e visto che hanno una durata decisamente inferiore, vengono via se bevi, mangi o parli, e rischiano di andarsene a spasso per il viso, ho deciso di smaltirli e non ricomprarli. Per come mi trucco ora, non fanno decisamente per me.

Tra i prodotti beauty che non compro più c’è anche il fondotinta super coprente

prodotti beauty che non copro più: fondotinta coprente

Anche io ho ceduto, nel periodo in cui andavano tantissimo, ai fondotinta molto coprenti, quei pastoni molto densi che probabilmente stanno bene allo 0,00000001% della popolazione. Visto che ho la pelle grassa, quel tipo di prodotto dovrebbe essere indicatissimo per me, e invece…

La verità è che i fondotinta molto coprenti tendono a seccare la pelle, ad evidenziarne ogni imperfezione, dai pori alle rughette, e fanno strato sulla pelle, si vedono lontano due chilometri. Riuscire a sfumarli e applicarli in modo da ottenere un effetto non clownesco è davvero difficile. Per fortuna oggi come oggi ci sono tantissimi prodotti in commercio che, pur non essendo super coprenti, hanno un’ottima durata e quindi sono adatti anche alle grandi occasioni. Ho imparato a preferire fondotinta a media coprenza, e se ho bisogno di quel twist in più aggiungo una passata di fondotinta in polvere. Pelle perfetta, ma senza mascherone!

Matite per sopracciglia

prodotti beauty che non copro più: matita per sopracciglia

Io ci ho provato a disegnarmi le sopracciglia con la matita, lo giuro. Per ottenere quell’effetto naturale e spettinato che va tanto di moda al momento. Ma anche qui devo scendere a patti con una cosa: io ho poche sopracciglia, scombinatissime. Devo ridisegnarle da capo per dar loro un minimo di forma. Quindi, l’unico prodotto che posso usare è il gel. Per di più, avendo la pelle grassa, la matita su di me dura davvero poco, e tende a sciogliersi col passare delle ore. Il gel invece è waterproof, lo metti lì e non si toglie più. Certo, l’effetto è più “estremo”, ma ormai sono abituata a vedermi così e soprattutto, ho sviluppato una certa manualità a fare le sopracciglia col gel e sbaglio molto meno rispetto che con la matita. Ci ho provato, e ho fallito.

La matita da sola su di me non basta proprio, devo comunque abbinarla ad una polvere o ad un mascara fissante, e a quel punto faccio prima a farle col gel. La matita è sicuramente più adatta a chi ha già delle sopracciglia definite e magari deve giusto riempire qualche buchetto. Ma per chi ha le sopracciglia molto fini e deve ricostruirle, il gel resta la soluzione migliore.

 

E voi? C’è qualche prodotto make-up che avete smesso di comprare o che avete provato perché era “di moda” e poi avete scoperto che non faceva per voi?

 

Like it. Share it. Pin in!

← Scopri altri consigli make-up

Lost Wanderer

Lost Wanderer

 

prodotti beauty che non compro più pin per Pinterest

60 thoughts on “I prodotti beauty che non compro più”

  1. Tinte labrra e gloss colorati non ne prendo più nemmeno io…come te uso solo rossetti nude e molto idratanti, soprattutto ora che dobbiamo tenere la mascherina per tutto il giorno. Quello che, invece, uso ancora è il fondotinta supercoprente.. in effetti è una cosa che dovrò iniziare ad evitare anch’io. Proverò ad usare fondotinta a media coprenza, e più passata di fondotinta in polvere come suggerito

    1. In più il fondotinta in polvere tende a piallare anche la zona dei pori, dando un aspetto più levigato alla pelle!

  2. Ho letto il tuo articolo soprattutto per rinfrescare la memoria. Sono mesi che mi trucco pochissimo per colpa degli eventi che mi costringono sempre più spesso a casa e al lavoro da casa. Mesi che non uso fondotinta o correttori, il mio amato eyeliner e il rimmel. Video riunione? Una passata di terra, una buona luce ed è fatto. Dovrò rifare la spesa di cosmetici, quando finirà questo letargo forzato!

  3. Io usavo tutti questi prodotti e non potevo farne a meno (tranne il gloss che l’hi sempre odiato), non uscivo di casa senza trucco. Ma con la quarantena ho imparato ad apprezzarmi anche senza trucco, con un filo di mascara ma senza il cerone dato dal fondotinta e mille correttori.
    Fai bene a fare una selezione dei trucchi e soprattutto fai bene ad eliminare i fondotinta super coprenti.

    1. Io ho fatto il percorso contrario , nel senso che ho iniziato a truccarmi proprio quando avevo raggiunto l’accettazione della mia pelle imperfetta e ho imparato a valorizzarla

  4. Avevo commentato e purtroppo scopro che non si è pubblicato ç_ç Poverina me ç_ç Comunque dicevo che io i correttori colorati invece li uso, alla fine bisogna capire di cosa necessitiamo perchè in effetti tutti non servono, ad esempio per me è un salva vita il giallo per il mio tipo di occhiaie!

  5. Correttore verde e tinte labbra sono state eliminate anche dal mio beauty. Per i tuoi stessi motivi! Molti altri prodotti non li uso proprio. Per fortuna riesco ad usare la matita per ciglia, visto che le mie, se non le ritocco, sono diverse

    1. Io le correggo col gel. Ne ho pochissime e pure bionde, quindi poco visibili. Finirei una matita a settimana per rifarle!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.