Edimburgo, guida di viaggio
Europa,  Guide di Viaggio,  Regno Unito

Edimburgo: alla scoperta della capitale scozzese

Edimburgo è ricca di storia, cultura, architettura. Chiunque trascorrerebbe una piacevole vacanza nella capitale scozzese così antica e moderna allo stesso tempo. Piena di locali e musei e gallerie, la città vibra di vita da ogni suo angolo.

Le strade larghe e piene di negozi si diramano per tutta la Old Town dandosi il cambio con immensi spazi verdi e colline da scalare, riservandovi punti panoramici mozzafiato.
Edimburgo ha anche un non so ché di mistico. Le vecchie strade risalenti al 1600, chiamate close,ricordano molto le Diagon e Nocturn Alley dei libri e film di Harry Potter. Dopotutto l’autrice del maghetto più famoso dei nostri tempi è proprio qui che ha iniziato la sua carriera di scrittrice.

J. K. Rowling e la sua Edimburgo

Greyfriars Bobby, uno dei simboli di Edimburgo

Seduta ad un tavolo della piccola caffetteria indiana “Elephant Head”, la scrittrice faceva scorrere veloce la sua penna su fogli bianchi. Adesso il locale è frequentato da moltissimi fan del maghetto. Eppure non è come ce lo si aspetta. Il locale è infatti pieno di ninnoli e piccole statue di elefanti, tutte decorate con colori sgargianti; drappi rossi ovunque e piccoli tavolini che danno su un piccolo prato verde.

All’entrata un foglio indica che se siete solo visitatori curiosi alla ricerca di un piccolo pezzo di storia, siete pregati di donare £1 per costi di gestione. In caso di consumazione, siete i benvenuti e potete anche evitare di fare la fila che a volte si forma ancora oggi, dopo anni. All’interno troverete una piccola bacheca con tutto ciò che riguarda la caffetteria e l’autrice di Harry Potter ancora agli esordi. Troverete persino qualche foto della donna da giovane, con ancora i suoi capelli rossicci e l’aria assorta.
C’è persino un interessante articolo sul nome di Tom Riddle, noto come Lord Voldemort. La Rowling infatti aveva tratto ispirazione dalla tomba di Thomas Riddell, trovata nel cimitero Greyfriars, poco distante dalla caffetteria.

Ad indicarvi la via per il cimitero ci penserà Greyfriars Bobby. La statua del cagnolino Bobby è ormai famosa ad Edimburgo. Alla morte del suo padrone, è rimasto per ben dodici anni a vegliare sulla sua tomba. E proprio tra vecchie tombe illeggibili, statue un po’ raccapriccianti e forme di teschi un po’ ovunque, riuscirete a scovare il signor Riddell. Se siete fortunati e ben attenti, potreste persino vedere un Sirius Black o uno Stark di Grande Inverno.

Alla ricerca di Sherlock Holmes

The Conan Doyle pub

I posti per gli amanti della letteratura non mancano di certo ad Edimburgo! Sapevate che proprio qui è nato Sir Arthur Conan Doyle? Non è certo un caso che proprio a Piccadilly Circus vi è una statua a lui dedicata. Inoltre poco distante troverete anche un pub che porta il suo nome e, piccola curiosità, per il compleanno della Rowling ha cambiato nome per qualche giorno.
Esiste anche lo Sherlock Holmes Centre che, a dispetto del nome, è una casa del tè dove potersi rilassare.

Ad Edimburgo è possibile visitare gratuitamente anche il Museo degli Scrittori. Una particolare attenzione è data alle vite e i lavori di Robert Louis Stevenson, Robert Burns e Walter Scott. Inoltre vi sono molti walking tour che seguono le orme di famosi esponenti letterari nell’Edimburgo di tempi passati.

Edimburgo per tutti i gusti

Dean Village

La capitale scozzese è adatta a tutti. Abbiamo già visto come soddisfa gli amanti della letteratura e gli amanti del brivido o semplicemente chi preferisce un tour insolito.

I requisiti per amarla sono moltissimi anche per chi è appassionato di arte. Infatti musei e gallerie in tutto il Regno Unito sono completamente gratuiti ed un ottimo posto dove passare le giornate di pioggia o più fredde. Fate un salto alla Galleria d’Arte Moderna, il Museo della Guerra o il Museo Nazionale Scozzese che, degno di nota, mette in mostra la pecora Dolly e ha oggetti interattivi con cui potrete giocare e divertirvi.

Tutti luoghi in cui anche gli appassionati di storia troveranno pane per i loro denti. Così come lo sarà passeggiare al Dean Village, un quartiere di Edimburgo che sembra cristallizzato nel tempo. Potete seguire il corso del fiume Leith per accedervi e fare un tuffo nella vecchia Edimburgo. Proseguite poi fino a Stockbridge, il quartiere vibrante della città. La domenica tra l’altro c’è il mercato cittadino dove potrete gustare alcune prelibatezze scozzesi.

Ovviamente non poteva mancare la menzione al Royal Botanic Garden per chi, come me, ama i fiori e fare passeggiate nella natura. In ogni città che visito cerco di andare nei giardini botanici. Quelli di Edimburgo sono bellissimi e hanno due Glass Houses piene di piante tropicali o desertiche da non perdere. Inoltre vi consiglio anche di visitate i Princes Garden che vi porteranno sulla strada del Castello di Edimburgo, passando per lo Scott Monument, il più grande monumento mai costruito per uno scrittore.

I punti panoramici

Calton Hill, uno dei punti panoramici di Edimburgo

Le numerose colline che trovate a pochi passi dal centro, non vi faranno mancare il fiato. Sia per la loro bellezza che l’energia per arrivarci. Prima fra tutte la scalata di Arthur’s Seat. Non fatevi ingannare dal nome, non ha nulla a che fare con Merlino, né la Spada nella Roccia. Infatti la leggenda di Artù nasce in Galles e non in Scozia. Rimane però il posto migliore per vedere l’intera città.

Entrate da Holyrood Park per iniziare la salita che vi porta a metà della collina. Persino da qui avrete una splendida visuale. Eppure più vi aggrappate ai ripidi scalini sdrucciolevoli e proseguite ad appigliarvi a qualsiasi cosa per arrivare in cima, più la vista ripagherà.

In alternativa, se non volete faticare troppo ma siete ugualmente disposti a fare una lieve salita in pendenza, potrete godervi la vista panoramica da da Calton Hill.  Anch’essa vicino ad Holyrood Park e Holyrood Palace, la residenza scozzese della Regina. Potete visitare quest’ultima tutto l’anno. Il costo del tour è di £16,50 per adulto; al di sotto dei 17 anni si paga £9,50 mentre i bambini sotto i 5 anni entrano gratuitamente.

Dove fare shopping ad Edimburgo

Poco lontana dalla High Street così piena di negozi con prodotti tipici come kilt o il tartan, vi è Victoria Street. Famosa non solo perché ha ispirato la Diagon Alley della Rowling ma anche per i suoi shops indipendenti. Librerie, negozi di formaggi, antiquari di mappe e piccole botteghe di giocattoli; questa strada è una vera chicca per gli amanti del vintage. La strada termina con la facciata del negozio W. Armstrong & Sons dove potrete trovare di tutto, dalle camicie da notte vittoriane agli abiti Charleston, passando per ogni epoca storica.

 

Edimburgo è una di quelle città dove tornerei volentieri per un weekend. Scoprire nuove facce della città ed esplorare posti pochi noti. E voi siete già stati nella capitale scozzese?

 

Rubrica “Guide di Viaggio”
fb Lost Wanderer
ig Veronica
pin.png Lost Wanderer

Edimburgo pin per pinterest

 

 

38 commenti

  • Patrizia

    Vogliamo parlare dell’haggis? Tutti dicono sia disgustoso, ma io l’ho mangiato ogni giorno della mia permanenza in Scozia! Ultimamente sono rimasta un po’ traumatizzata dal fatto che Harry Potter non sia stato realmente scritto lì, mi ha scioccata la rivelazione di J.K.R.!

    • Veronica

      Tutto ciò che viene dagli intestini degli animali, non lo mangio ahahah Ed ho scoperto grazie a te, adesso, che ho vissuto in una menzogna! Ci ha fatto credere per anni che lo avesse scritto all’Elephant Head! D:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: