MDS, manuali di sopravvivenza, how to, ironia, comiche, manuale
Manuali di sopravvivenza

Come sopravvivere allo smartworking

DISCLAIMER: I manuali di Sopravvivenza sono articoli ironici, scritti volutamente sopra le righe e fatti per non essere presi troppo sul serio.

Dopo aver scoperto i segreti per mostrarsi al meglio nelle videoriunioni (vedi QUI), oggi parleremo del lato oscuro e tenebroso di quella pratica ormai arcinota ed entrata nelle vite di tutti noi col nome di SMARTWORKING.

  1. COS’È?

 “Smartworking” è un modo carino per dire “Credevi di essere al sicuro a casa tua? E invece no. Ti tocca lavorare pure lì”. E suppongo che sia stato un vero trauma per chi era abituato a lavorare in ufficio, staccare alle 17 e tornarsene a casa, con la consapevolezza di non dover pensare più a nulla. Per quanto mi riguarda, è cambiato meno di zero. Io ho sempre lavorato da casa ed ero in smartworking prima ancora di conoscere l’esistenza della parola. L’unica cosa che è cambiata è la percezione altrui: un anno fa, quando chiedevo ai miei vicini di non trapanare ad ogni ora del giorno perché lavoravo da casa, mi guardavano con aria stranita, probabilmente pensando “Ma chi è sta barbona che dice che lavora a casa, ma che si inventa, mica si lavora da casa, sarà una mantenuta”. Adesso sono loro stessi che mi dicono “Ah, sei in smartworking?”. Finalmente il mio lavoro ha acquisito un minimo di dignità. Almeno fino a che non scoprono che scrivo fumetti per vivere, e a quel punto pensano direttamente che io sia pazza.

2. IL BELLO DI LAVORARE DA CASA

Parliamone: lavorare da casa è bello solo se si vive da soli. In coppia, in famiglia, o coi coinquilini la cosa potrebbe iniziare a diventare problematica. Innanzitutto, magari anche gli altri conviventi sono in smartworking o seguono lezioni online, il che significa che internet non basta a coprire le esigenze di tutti(e ovviamente collasserà nei momenti meno opportuni).E se gli altri membri della casa non studiano/lavorano, il fatto di stare chiusi in casa li rende delle potenziali reti di disturbo. Se il tuo compagno attacca la PlayStation mentre sei in videoriunione, potrebbero crearsi situazioni alquanto problematiche. A meno che non ci sia una stanza per ciascuno, la condivisione degli spazi tra persone con esigenze diverse è la prima causa di divorzio nel mondo, probabilmente.

3. LA POSTAZIONE

Per lavorare da casa, devi ritagliarti una tua postazione. Se hai una stanza tutta per te sei salvo. Se devi trovare uno spazio per lavorare… beh, potrebbero esserci un paio di problemi. Sistema il pc sul tavolo della cucina, sposta i resti del pranzo, nascondi il disordine che si annida alle tue spalle, ricordati di mettere a portata di mano una bottiglia d’acqua e un bicchiere, chiuditi dentro per evitare che il gatto si metta a passeggiare sulla tastiera mentre riempi i fogli Excel… 

4. IL LOOK

Il dress code per lo smartworking è universale, elegante sopra, pigiama sotto. Il che ti impedirà di alzarti mentre sei in videoriunione, motivo per cui l’acqua deve essere a portata di mano, insieme ad eventuali snack. E ricordati sempre di spegnere webcam e microfono quando ti allontani, a meno che non vuoi che i colleghi vedano i tuoi leggings leopardati da casa, cosa che NON è assolutamente successa a chi vi scrive.

5. NOSTALGIA

Lavorare da casa ti farà rivalutare tutto quello che ti sembrava traumatico del lavoro fuori casa. Il traffico delle sette di mattina con gli automobilisti che imprecano al semaforo rosso ti sembrerà la colonna sonora perfetta, il caffè al gusto pozzanghera della macchinetta nei tuoi ricordi avrà il sapore della miglior miscela colombiana, perfino i mezzi strapieni ti sembreranno un’esperienza divertente. Potresti iniziare a rivalutare i colleghi che di solito non ti stanno particolarmente simpatici. Se così non fosse, ricorda che ogni volta che parlano puoi limitarti ad abbassare il volume per non sentirli. Questo in ufficio non potevi farlo, vedi?

6. TEMPI DI LAVORO

Come dicevo all’inizio, per me nell’attuale panorama pandemico è cambiato meno di niente. Ma confrontandomi con persone che sono passate dall’ufficio allo smartworking, il sentimento sembra essere uno solo: a quanto pare, da casa si lavora di più. Anche perché non è che alle 17 puoi dire “Ops, scusate, mi scade il parcheggio” oppure “Devo andare a prendere mio figlio da scuola” proprio mentre il seienne passa alle tue spalle con un Kinder Sopresa tra le mani. Quindi in generale si fanno più riunioni e si stacca dopo aver finito tutto. Il che mi ha fatto assistere alla singolare scena di una donna che, dovendo fare spesa ma avendo una riunione, passeggiava per il supermercato con carrello e cuffie, facendo la riunione mentre comprava le mozzarelle. Signore e signori, questo è il vero multitasking.

7. LA DIETA SMART

Lavorare fuori significava pausa pranzo, possibilmente ad un ristorante vicino il posto di lavoro, caffè coi colleghi al bar, e altre socialità varie. Che sono scomparse dalle nostre vite (per me riunione di redazione=pranzo al siciliano), lasciandoci sicuramente più soldi nel portafogli, ma anche molte più rogne. Perché adesso il pranzo tocca prepararselo da soli. E se sei come la sottoscritta, nove volte su dieci ti dimentichi di scongelare il pranzo, arrangiandoti con quello che riesci a rimediare e non è ancora scaduto nel frigo. Se vivi da solo o sei tu a preparare i pasti, lo smartworking probabilmente avrà significato un sacco di pietanze lasciate in forno più del dovuto perché ti sei distratto. Io ho riscoperto la gioia dell’insalata di tonno: apri una scatoletta di tonno, unisci mais pomodori o insalata a sentimento, ed ecco pronto un pranzo rapido, veloce e molto molto triste. Oppure, per rivivere il mood ufficio puoi prendere qualcosa a domicilio, da consumare obbligatoriamente davanti al pc mentre leggi le mail.

8. ZERO STRESS

Non c’è la possibilità di “distrarsi” facendo il tragitto casa/lavoro.

I tempi di lavoro si allungano perché non puoi trovare una scusa per disconnetterti.

Si azzerano la socialità, i pranzi fuori e le pause caffè.

Sei chiuso in casa con altre persone che magari hanno ritmi diversi dai tuoi.

Cosa mai potrebbe andare storto con questo smartworking?

E voi? Come sta andando questo passaggio? Lavorate da casa oppure fuori?

46 thoughts on “Come sopravvivere allo smartworking”

  1. Il mio è sempre stato un lavoro a contatto con il pubblico. L’interazione con le persone la fa da padrone. Con il blog invece mi sono ritrovata a passare molto tempo a casa davanti al pc e mi sono sentita un po’ sopraffatta. Devo seguire i tuoi punti pian piano per ricordarmi del positivo e soprattutto di staccare a una certa ore ahaha

  2. Divertente come sempre, ma con un fondo… tanti fondi di verità!! Anche io sono passata allo smartworking per un mesetto durante il lockdown, e a parte i pasti (che comunque preparo regolarmente da portare al lavoro in eleganti schiscette) condivido tutte le tue esperienze!!

    1. Beata te, io quando lavoravo fuori casa non avevo mai tempo di prepararmi nulla e arricchivo una rosticceria siciliana vicino al luogo di lavoro! Ahahah

  3. Amo sempre i tuoi post, lo sai. Io per fortuna ho una stanza mia, internet è solo per me, ho la mamma che cucina meglio di Cracco e prepara colazione pranzo e cena, e lavoravo da casa pure prima. Per una bella cenetta ti consiglio l’insalata di farro: fai lessare il farro almeno 40 minuti, scoli, aggiungi avocado, salmone affumicato, mango, zucchine, dadini di formaggio e quei bei semi che si trovano al supermercato. La cosa buona è che ti avanza e la mangi il giorno dopo senza cucinare. E comunque appena si può viaggiare, non mi ferma nessuno, faccio lo smartworking sul sedile dell’aereo.

  4. Lavoro molto da casa, scrivo in rete, amministro pagine e social… ma organiggare i tempi manca e molto!! Mancano le aule, le cucine i tour, spero in breve si torni a fare quello che ci fa stare bene!!
    Comunque grazie per l’articolo, l’ho letto volentieri!!

    1. Ti capisco, e lo spero tanto anche io. Mi mancano le lunghe passeggiate per svuotare la testa dopo una giornata di lavoro!

  5. Sono d’accordo su tutto ciò che hai scritto, solo che….io avendo i bambini a casa lo Smartworking non è fattibile, però si in effetti secondo me si lavora meglio e di più 👌

  6. Purtroppo per me non ho la fortuna di essere in smart working e continuo ad andare in ufficio, ma i tuoi sono consigli molto saggi (soprattutto quello sulla dieta!)

    1. Ahia, dev’essere pesante da un certo punto di vista uscire di casa in questa situazione così particolare!

  7. Per me niente smart working perché per la mia attività di assicurazione non sono previste chiusure ed essendo la titolare ovviamente vado in ufficio tutti i giorni.
    Non so quindi cosa significhi lavorare da casa ma non saprei dire se mi piacerebbe farlo.

    1. Sei una delle poche “graziate” dallo smart ahahah ci sono pro e contro, un po’ come in tutte le cose

  8. Io lavoro da casa da sempre però il lockdown mi ha chiuso in casa. Già ci sto per ovvi motivi, ma almeno prima staccavo ed andare al bar, in giro con gli amici o a fare una passeggiata per negozi era il modo per ritrovare equilibrio. Io vivo di contatto umano e socialità ora sembro una larva!

    1. Come ti capisco! Idem per me, essendo abituata a lavorare da casa mi piaceva staccare di tanto in tanto per uscire

  9. Bellissimo post! condivido ogni singola parola. Ho cominciato a lavorare in smart da pochi mesi, ovvero da quando ho intrapreso la carriera ri-universitaria e di content creator, sovvertendo oltre 20 anni di carriera manageriale. Amo molto le opportunità che lo smartworking offrono e che tu hai saputo ben delineare!

    1. Per me che ho sempre alternato smartworking e lavoro in sede, non ci sono stati grandissimi cambiamenti. Però devo dire che lavorando da casa al 100% mi sembra di riuscire a fare di più, impegnando i lunghi tempi morti che magari prima passavo sul bus!

  10. Non ho mai lavorato in smartworking, anzi pensavo fosse un modo strategico e comodo ma con il tuo articolo mi hai fatto cambiare idea😂 in ogni caso, amo questa rubrica! Mi diverte sempre un sacco!

    1. per chi lavora da casa da una vita lo smartworking è praticamente la vita quotidiana, con tutti i suoi traumi ahahahah

  11. ahahahaha! Fantastico il tuo ironico riassunto dello smart working, alla tipa che faceva la riunione comprando la mozzarella sono effettivamente morta!!!!

    Sarò controcorrente ma a me è piaciuto tantissimo il periodo di smart working! Certo consumavo quantità di caffè allucinanti, cominciavo alle 7.00 e staccavo alle 19.00 MA….. sotto c’era sempre un bel film da vedere, musica o qualche live dei miei beniamini di youtube, certi personaggi che son costretta a vedere ogni giorno non li vedevo più e ci ho guadagnato in salute mentale. Pigiama tutto il giorno, (non solo sotto visto che non avevo videoconferenze) svacco, e pisolino in pausa pranzo…
    Il fatto di non dover condividere lo spazio con parenti/pseudo fidanzati/figli ha sicuramente aiutato al godimento più totale del MIO spazio e dei MIEI tempi.
    Ora che sono tornata in ufficio, la vita ha un altro sapore, il lavoro è molto cambiato ma, quello che mi dico sempre è…. “poteva andare molto molto peggio!” 🙂

    1. beata te, io ho i colleghi che pure se siamo in smart attaccano a scrivermi ovunque prestissimo, mettendomi l’ansia di essere in ritardo sulla tabella di marcia anche se sono solo le nove di mattina ahahah

  12. Durante il primo lockdown non ho praticamente lavorato per tre mesi, perché lavoro in un’agenzia di pratiche auto quindi da casa le cose che si potevano fare si riducevano a venti minuti al giorno, a voler essere ottimisti. E questa ti giuro che è stata una fonte di stress pazzesca perché di tutto questo tempo libero da dedicare a cane, gatto e casa non sapevo che farmene. Durante questo secondo lockdown per fortuna invece posso andare in ufficio, anche se lo svantaggio ovviamente è quello di aver a che fare con clienti maleducati, noiosi e rognosi 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.