Make-Up & Rainbows

Come iniziare una make-up collection

Settembre, si sa, è un mese di cambiamenti e nuovi inizi. 

Quindi, quale articolo migliore per il mese della rinascita? 

Vuoi iniziare una make-up collection? Ti piacerebbe inserire nel tuo beauty dei prodotti da vera pro? Vuoi espandere quella che hai con qualche prodotto sfizioso? 

Sei nel posto giusto! Sono qui oggi per condividere un po’ di trucchetti che ho imparato negli anni sui prodotti.  Sia che tu voglia iniziare a truccarti, sia che tu sia già un’appassionata, qui troverai un po’ di consigli per arricchire la tua collezione beauty.

  1. Il primer sticky per il fondotinta 

Di primer si sente parlare spesso, ma c’è ancora parecchia confusione sull’argomento. C’è chi preferisce non usarlo, e usare come base la normale crema idratante, chi ne usa più di uno sulle diverse zone del viso, chi lo usa solo nelle grandi occasioni… In generale, ti consiglio di usare il primer soprattutto se usi un fondotinta siliconico. In questo modo, metterai un’ulteriore barriera tra la tua pelle e il fondotinta, che ti salverà soprattutto se hai la pelle sensibile. Ci sono primer di tutti i tipi, ma quelli che fanno davvero la differenza, per me, sono quelli “sticky”, ovvero quelli che lasciano la pelle appiccicaticcia dopo l’uso. Su questi primer, infatti, il fondotinta aderirà al meglio, restando più a lungo sulla pelle e aggrappandosi meglio. Il mio preferito del momento è il Cicapair del Dr. Jart, ma altri primer del genere li puoi trovare con Milk e Urban Decay. 

  1. Il primer occhi

Anche qui c’è parecchia confusione, dovuta soprattutto alle mode del momento. Se bazzichi Instagram, di sicuro conoscerai P. Louise, la base occhi che sta facendo impazzire tutti i beauty influencer. E magari ci hai anche fatto un pensierino. Ma è davvero il primer che fa per te? P. Louise, la base occhi di Anastasia Beverly Hills, il Cut Crease Canvas di Revolution hanno tutte in comune una cosa: sono basi spesse, praticamente dei correttori. Tendono ad essere parecchio chiare, quindi usale solo se poi andrai a mettere degli ombretti sulla palpebra. Altrimenti, ti ritroverai con una palpebra bianca che cozza con tutto il resto. Non ti piacciono gli ombretti, una linea di eye-liner e una passata di mascara sono tutto tutto quello che ti serve? Sul primer fissato con cipria è più facile correggere gli errori con l’eye-liner o cancellare le macchie di mascara. Opta per un primer trasparente come quello di Urban decay, Essence o Fenty beauty e vedrai la differenza! In alternativa, scegli un paint pot di Mac del colore della tua pelle per un effetto di palpebra uniformata con venuzze coperte senza dover usare ombretti.

  1. Una palette tuttofare

A meno che tu non sia una collezionista folle come la sottoscritta, una sola palette occhi nella vita può bastarti senza problemi. Sia che tu ti trucchi tutti i giorni sia che riservi il make-up alle occasioni speciali, il mio consiglio sarà sempre lo stesso: una palettona di Morphe. Anche se non usi mai ombretti colorati, cerca di prendere una palette completa: potrà tornarti utile per le occasioni tipo Halloween/Carnevale. Gli ombretti di Morphe hanno una buona qualità e non costano molto. Se proprio vuoi esagerare, puoi prendere una palette grande da tenere a casa e una più piccola, nei colori che usi più spesso, da portare in viaggio.

  1. Una palette viso

Anche in questo caso, di palette viso te ne basta una sola. Sceglila in base a quello che fai: ti basta un po’ di bronzer? Sei patito del blush? Devi illuminarti manco fossimo a Natale? Visto che le esigenze per il viso sono spesso personalizzate, ti consiglio una palette vuota, come quelle di Mulac, da riempire con le cialde che usi di più. In generale le palette da comporre hanno un costo maggiore rispetto a quelle già composte, ma considera che una palette viso può bastarti senza problemi per un paio d’anni. Inoltre, scegliendo solo i colori che usi davvero e magari rimpiazzando le cialde man mano che finiscono sei sicura di avere nella collezione solo prodotti che usi davvero.

  1. Rossetto liquido e stick abbinato

Spostiamoci per un secondo sulle labbra. Di sicuro ci sarà un colore di rossetto che usi più degli altri. Che sia nude, rosso, nero, viola, ti consiglio di averlo disponibile in due varianti: liquido e stick. Perché avere lo stesso rossetto in due formule diverse? Innanzitutto, perché se è il colore che usi di più probabilmente lo finirai presto. Soprattutto, però, puoi scegliere il tipo di formula in base all’occasione e al livello di secchezza delle tue labbra. E se indossi il rossetto liquido e viene leggermente via sul centro, al posto di ritoccarlo col rossetto liquido andando a seccare ulteriormente le labbra, puoi ritoccarlo con il rossetto in stick che va ad idratarle leggermente. Il mio duo stick-liquido irrinunciabile? Umile di Wemakeup!

  1. Una matita labbra trasparente 

Restiamo sulle labbra. La regola vorrebbe una matita abbinata ad ogni rossetto che hai. Una bella spesa, che puoi facilmente tagliare. Come? Scegliendo una matita labbra trasparente come “Perfettina” di Neve Cosmetics. Puoi metterla sotto qualsiasi rossetto, ti permette ti tracciare il contorno delle labbra senza aver paura di essere impreciso e puoi facilmente correggere eventuali errori nell’applicazione del rossetto usandola come se fosse un bianchetto!

  1. Il fondotinta compatto in polvere

Secondo me, uno dei prodotti più sottovalutati di sempre. Il fondotinta in polvere ha davvero mille usi. Se non ti piace l’effetto del trucco sulla pelle, una passata leggera può uniformare l’incarnato senza appesantirlo. Se ti piace il trucco pesante, puoi usarlo al posto della cipria (o in aggiunta alla cipria) per aggiungere un altro livello di coprenza. È facile da portare in giro per fare i ritocchi. Se indossi gli occhiali, ti permette di ritoccare in fretta i punti dove il fondotinta viene via sul naso. È travel friendly, e puoi portarlo senza problemi in aereo… ti servono altri motivi per aggiungerne uno al tuo beauty?

  1. Il prodotto duo per le sopracciglia

Negli ultimi anni, le sopracciglia stanno diventando protagoniste del look. Polveri, matite, gel, pennarelli… qual è il prodotto migliore per farle? Se sei agli inizi, ti consiglio a occhi chiusi la matita. È più facile da gestire e correggere, permette di ottenere un effetto naturale. Se hai la pelle molto grassa, però, la matita potrebbe non resistere tutto il giorno, e ti serve fissarla con una polvere, proprio come faresti col resto del viso. Per questo, per me il prodotto irrinunciabile è il brow Styler di Benefit: polvere e matita due in uno! La punta della matita non è proprio sottilissima, ma permette comunque di lavorare bene, e con la polvere puoi intensificare l’effetto è garantirti delle sopracciglia che durano tutto il giorno!

  1. Un set di pennelli

Un buon trucco ha bisogno di pennelli adatti. Se sei agli inizi, non ho dubbi: prendi un set di Morphe. Ce ne sono davvero per tutti i gusti, e ti consiglio di prendere un set per il viso e uno per gli occhi. I pennelli di Morphe non sono male per iniziare, sono di buona qualità e ti permettono di prendere confidenza. Poi, mano a mano, potrai decidere di arricchire la tua collezione con pennelli specifici (io amo quelli di Neve). Se hai già un buon numero di pennelli, ti consiglio comunque un set di Morphe: si sa che i pennelli non bastano mai!

Che te ne pare? Ci sono abbastanza prodotti per iniziare o arricchire una make-up collection?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: